‘A guagliona, era na’ rapa.

Nun teneva proprio capa;

quanno jeva dint’a scola

nun capeva ‘na parola.

“Quanto soffro, nun se sape

(s’a chiagneva, ‘a cim’e rape).

E’campà nun me ne firo..

Sa che faccio? I’ mò m’acciro!”

Ditto nfatto, ‘a copp’o scuoglio

se menaje pe dint’all’uoglio.

Ma chest’uoglio era vullente.

Che dulore, che turmiente!

“E mò sì, ca songo fritte!”

“Vrucculè, stateve zitte!

Ora site assai chiù belle:

diventaste friarielle!”


E dopo l'ode ai friarielli, una rivisitazione tipicamente alla "Tzu"...

C'era una gran voglia di risotto in casa, si respirava un aria da rimesto....così, dopo una fugace occhiata in frigo, dietro i soliti 2000 barattoli e amebe imploranti di resti vari, trovo i friarielli.
Dovete sapere che noi usiamo fare in casa il "Trionfo del fritto Day"..che ahimè si era appena svolto, dunque sotto lo sguardo curioso della mia grilla parlante (la maggiore) che non la smetteva più di farmi appunti, comincio a far ruotare i mestoli...

Il risultato è sotto i vostri occhi, ho iniziato col preparare un sugo con un soffrittino leggero di porro, poi ho tagliato i peperoni a dischi e li ho fatti soffriggere per 2 minuti, dopo ho aggiunto un pò di pomodoro e lasciato andare per altri 2 minuti. Quando il tutto era ancora liquido ho versato il riso, fatto assorbire e poi sfumato con del brodo vegetale fino a cottura. Alla fine ho mantecato con noce di burro e grana.

Hallo Trippy (la minore) che è il mio maggior critico culinario, dopo un iniziale stortatura di naso, ha sforchettato e con mia somma gioia, ha gradito.

In verità tutti hanno gradito, ne avessere lasciato un chicco! Vabbè, il bello delle sperimentazioni è anche questo....

Tagged:

0 Briciole:

Posta un commento

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...