La rete è infinita....unica nel suo genere...offre opportunità e risorse per ogni cosa...



Come sapete, navigo ormai da quando netscape si vendette a explorer...quindi parliamo del lontano '92...eppure ogni giorno non finisce mai di stupirmi....per caso, per destino se volete, due persone fino ad oggi sconosciute si sono trovate....il risultato è qualcosa di straordinario....

Come per molte ALFiste, anche a me è capitato di trovare qualcuna che fosse un amica...quasi come la conoscessi da sempre...ecco perchè grazie a lei ieri sera ho fatto la torta di rose...

La conoscevo già (la torta), ma non mi era mai venuta voglia di farla perchè mi sembrava una variante del Danubio...mi sbagliavo. Poi al telefono con lei appunto, parlando di tutto fuorché di cucina, lei esordisce e dice "ma hai mai fatto la torta di rose??" ..Ehmm, no...."Guarda, una bomba! Prova questa ricetta stra collaudata"..Potevo io esimermi da cotanta enfasi?? Naaaaaaaaaaa

E voilà...alle 18.00 comincio la lavorazione..tra vari MMS di fasi intermedie e dritte dell'ultimo secondo...sforno a mezzanotte la prima delle due torte....Mammasantissima che profumo che avevo per casa!! Non ho resistito, e sprezzante dei fumi roventi, ho afferrato una rosa....non posso esprimere tutto il godimento papillare che si sprigiona dopo il primo morso...è qualcosa di sublime....


Grazie Dolcemamma69....il prossimo passo è venire ad accoccolarmi "SULLA" tua stufa...a modi gattona...

Lei mi ha dato la ricetta di una pasticcera come farcia...ma io, frettolosa e camaleontica, in assenza di uova ho ripiegato su un bianco mangiare al cioccolato un pò fluido...Mi serva di lezione, il prossimo giro faccio la pasticcera...o pasticciona...^_-

Ecco la ricetta...che poi altro non è che una variante delle sorelle simili...solo con meno burro e senza limone...

Per il Polish (o impasto lievitante)

150 g. farina Manitoba
25 g. di lievito fresco
1/2 bicchiere di latte tiepido

A mano sulla spianatoia o con un impastatrice, preparare il panetto sciogliendo il lievito nel latte e amalgamandolo alla farina. Se risultasse troppo asciutto, unire del latte sino a raggiungere una consistenza compatta e soda. Lasciar lievitare coperto sino al suo raddoppio..30-40 minuti.

Per l'impasto

350 g. di farina Manitoba
120 g. di zucchero
2 uova
60 g. di burro
80 ml. di latte
scorza di limone grattugiata (che ho sostituito con semi di vaniglia)
sale q.b.

Impastare gli ingredienti, vale il discorso precedente sul latte, versatelo pian piano, non è detto che debba servirvi tutto, sopratutto se le uova sono di grandi dimensioni...andate a occhio. Una volta pronto l'impasto, unitelo al panetto lievitato, lavorate il tutto e quando pronto lasciatelo riposare almeno due ore, deve raddoppiare ancora. A me nel forno chiuso, ha raggiunto il raddoppio quasi dopo 3 e mezza...però dipende molto dall'umidità dell'ambiente, dalla farina etc....regolatevi voi...

Preparare la crema...

400 ml. latte
160 g. di zucchero
50 g. di farina 00
vaniglia
4 tuorli

Nel mentre che aspettavo che lievitasse l'impasto, ho preparato la crema, però qua io vi posterò la ricetta della crema pasticcera perchè essendo molto critica, non sono molto soddisfatta di come è venuta la mia e quindi non ve la giro. Con gli ingredienti che vi ho dato, preparate la classica pasticcera...fate raffreddare.

Quando pronto l'impasto, ho riversato sul pianale la palla ed ho cominciato a sgonfiarla a colpi di mattarello...così facendo prendeva la forma un po rettangolare...poi, l'ho stesa come suggerito dall'amica Dolcemamma, nelle dimensioni di un rettangolo 60x40.

Ho farcito con la crema uno strato non troppo sottile lasciando uno spazio tra i bordi di circa 3 cm. Ho arrotolato e poi ho tagliato dei dischi da 4 cm. La prossima volta mi aiuterò con uno straccio, questo perchè sembravo un chirurgo alle prime armi...Disponete i dischi nella tortiera ben distanziati tra loro..io ne ho usati 6 per una teglia apribile standard...ed i rimanenti 4 in una da 22 fissa....Libere di imburrare ed infarinare le teglie, io ho usato la carta da forno bagnata e strizzata...per la teglia apribile manco quella, ho appoggiato il disco con cerniera direttamente sulla teglia con la carta forno... mi è bastato aprire la cerniera per avere la torta "libera"...(questo perchè temevo fuoriuscisse la crema cosa che invece non è avvenuta)

Il risultato esteticamente non è dei migliori, ma essendo la mia prima torta di rose devo dire che sono soddisfatta...il sapore (quello che conta) è eccezionale...tanto che i miei stamane a colazione l'hanno divorata!!!!! Sono una mamma appagata...

Serena domenica a tutte!! e viva la rete!!!!

Tagged:

7 commenti:

  1. la torta di rose è davvero un dolce spettacolare...io l'ho fatto varie volte maquesta versione nn l'ha conoscevo,la proverò!!bacioni e bravissima:-)

    RispondiElimina
  2. una vera delizia....bravissima
    Annamaria

    RispondiElimina
  3. che meraviglioiso aspetto ha la tua torta di rose.....m'immagino il sapore!!!!!sempre interessante passare da te!!!a presto claudia

    RispondiElimina
  4. bellissima e sicuramente buona buona!!! Complimentissimi

    RispondiElimina
  5. eh si ...la torta di rose è bella e buona!!!e tu l'ha fatta benissimo! brava!
    ciaoooo e buona serata

    RispondiElimina
  6. Mamma mi a che emozione.....!!! Tzu, grazie mille per la citazione Tu sai di essere il mio Leonardo da Vinci dei Fornelli!!! ...quindi mi sento onorata....
    P.S. La torta è splendida
    Abbraccione con stritolamento incorporato!
    dolcemamma69

    RispondiElimina
  7. mamma mia che bella, l'ho fatta anch'io una volta, ma non sono rimasta molto soddisfatta e non c'ho piu' provato, questa ricetta mi piace di piu' , devo provarla anch'io!
    Grazie Tzu, e io che navigo solo dal 2000......e qualcosa mi stupisco se mi stupisco ancora??

    RispondiElimina

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...