Brrrrr....

a Milano stasera fa davvero freddo...quasi come qualche settimana fa, dove avevamo toccato i sotto zero...stasera quindi avevo bisogno di un cibo rigeneratore, antico, che ti scaldasse anima e "core"..il brasato.
Dovete sapere che la settimana scorsa mi sono fatta un regalo, complici 19 eurini e un tot di punti esselunga...ecco il nuovo arrivato...


Quando l'ho vista (sul catalogo) pensavo fosse una pentolina della dimensioni al massimo di una scatola da scarpe....mi sbagliavo. La "belva" è grandissima!! 6,5 Lt. di capienza...per dare un idea vi ho messo il vasetto grande di Nutella a paragone...Bhè, ormai cè...quindi che si metta all'opera! Così dopo la lingua salmistrata (cotta in notturna), ora era il momento della prova brasato.

Col suo aiuto, all'una e mezza ho messo tutti gli ingredienti a "freddo" direttamente nella pentola in ceramica....e precisamente:
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 spicchio d'aglio (a listarelle)
  • 2 cipolle (medio/grandi) tagliate a metà e poi a listarelle da 2/3 mm.
  • 2 gambi di sedano tagliati a tocchettini
  • 3 carote medie tagliate a dischetti da 5 mm.
  • funghi freschi (occhiometro)
  • 1 dado
  • sale e pepe q.b.
  • 1 bicchiere di vino rosso "robusto"
  • 1 bicchiere d'acqua
  • 2 cucchiai di farina *
I funghi non li ho messi insieme subito, ho aspettato che mancasse un'oretta alla fine per poi aggiungere ad occhio 2 manciatone di chiodini freschi....la farina invece l'ho aggiunta a fine cottura perche avendo cotto sempre coperto i liquidi non si sono ritirati molto, quindi escamotage farina e tutto si è amalgamato benissimo...

Il tutto ha cotto 6 ore...a potenza minima...nel frattempo io ho potuto dedicarmi alle mie commissioni in tutta sicurezza...ficusssss!! Al ritorno dal volley, appena aperta la porta di casa, un profumo inconfondibile ci ha accolte....un abbraccio languido che ha fatto venire l'acquerello a tutti!!

Mi aspettavo che da un momento all'altro qualcuno bussasse con qualche scusa improbabile...giusto per mettere il naso dentro come al solito...invece niente, sarà colpa di 'sto freddo che ci fa stare tutti accoccolati al calduccio con un buon piatto consolatore!


Buona pappa coccolosa....


Smakkkk

Tagged: ,

6 commenti:

  1. MI piace questa pentola! Ma soprattutto mi piace quello che ci hai cucinato dentro!!!
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  2. questa pentola non l'ho proprio mai vista, ma tanto in casa mia non ci starebbe, ormai non ho più uno spazio vivibile nemmeno per uno stuzzicadenti!
    il brasato è anche il nostro piatto consolatorio, una bella polentina e ci si scalda subito anima e corpo!!

    RispondiElimina
  3. *Fantasie - giuro che così non mi era mai venuto!! Sarà che son piatti che con la cottura standard richiedono troppa attenzione, ma con sto accrocchio ti senti + libera!! hahahaha

    *Dau - sono una specialista nel complicarmi la vita...quasi quasi faccio concorrenza a Isabella ed ai suoi "Tafanari"...cmq anche la polenta merita!!!

    RispondiElimina
  4. sei ore??????????ma come funziona questa pentola...elettrica? batteria? il risultato finale è sicuramente deliziosa ma.....non ci mette un pò troppo tempo? :-)un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. *Annina!! 6 ore con questa equivalgono a 3 a fuoco medio....350w, potenza minima anche meno...quindi è come se fosse andato a fuoco bassissimo nel cannello piccolo del caffè. Il tempo poi è relativo, potevo farlo andare al massimo e ci avrebbe messo 3 ore ma....visto che ero sempre fuori casa andava bene così..

    Baciozzi!!

    RispondiElimina
  6. Ciao! Partecipa anche tu al concorso del mese de LA CUCINA ITALIANA: IL BRASATO!

    Per maggiori info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10-03-10.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...