Deliziosa nella sua semplicità, delicata e soffice quanto basta a non sentirsi in colpa se si mangiano due fette!

Questo è il mio modesto parere da semplice golosa e artefice, ma a mio favore annovero uno stuolino di persone che l'hanno gustata e apprezzata, in effetti questa torta fa parte del gruppo preparato sabato scorso, l'occasione? Una festa di quartiere dove si poteva gustare accompagnata da una tazza di buon tè....che dire, vedere i tuoi lavori scomparire man mano ti gratifica e sprona a nuove idee....ed ecco come sono arrivata a questa torta....

Avevo in mente da tempo di prepararla, ogni volta che guardavo la mia fruttiera e vedevo ste pere che mi imploravano di essere mangiate..in effetti le mie locuste non le gradiscono particolarmente, ma io mi ostino a comprarle e come al solito mi ritrovo a mangiarmele solo io, solitamente con un abbondante annaffiata di cioccolato al rum...ma veniamo alla ricetta, l'avevo trovata frugando nel sito di Alice, lo chef è Luca Montersino, mi è piaciuta e quindi l'ho salvata e alla fine finalmente l'ho preparata!

Ecco cosa vi serve...
  • 180 g di uova intere
  • 33 g di tuorli (circa 2)
  • 250 g di zucchero semolato
  • 20 g di miele
  • 200 g di farina 00
  • 40 g di cacao amaro in polvere
  • 2 g di lievito chimico
  • 70 g burro
  • 1 g di sale
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 450 kg di pere abate
Dose per una tortiera da 24-26 cm di diametro: montate le uova intere, i tuorli, lo zucchero semolato, il miele, il sale e la vaniglia, fino ad ottenere una massa spumosa, ma non troppo sbiancata. A questo punto unite la farina setacciata insieme al cacao e al lievito; continuate unendo il burro fuso e intiepidito ed infine le pere tagliate a cubetti. Disponete il composto nella tortiera imburrata ed infarinata. Guarnite la superficie con le mezze pere sciroppate ed infornate a 180°, per 40 minuti, ma fate sempre la prova stecchino prima di sfornarla!

Adesso vado, devo leccarmi tutte le terrine e non vorrei arrivare ultima!

Tagged:

7 commenti:

  1. wow, capito proprio a fagiuolo, oggi mi è arrivato il libro di Montersino che avevo ordinato :-)
    Altra coincidenza, anche io oggi ho fatto una crostata pere cacao e amaretti! Presto la postero' anche io, baci ;-)

    RispondiElimina
  2. bè, da fan scatenata di cioccolato e pere non posso fare altro che segnarmela!!!

    RispondiElimina
  3. Ma sei un'artista... è davvero bella la tua torta con cioccolato e pere. Ne ho viste e fatte molte versioni ma la tua è la più bella che ho visto. sono sincera.
    Ne approfitto per invitarti alla mia raccolta 'Madeleines mon amour'. Un abbraccio e buona serata

    Giulia

    RispondiElimina
  4. Grazie ragassuoleeeeeeeee!!! Così mi fate arrossire....e poi mi tocca somigliare ad un caco e farci pure un dolcetto! hehehehe Smak ^o^

    RispondiElimina
  5. molto bella la presentazione,ma 450 kg di pere mi sembrano troppe.

    RispondiElimina
  6. Fabio, no...son giuste! Se consideri che 2 e mezzo vanno in decorazione e le altre a cubetti nell'impasto è del tutto coerente...e poi parliamo di una torta grande come un piatto da pizza, mica i mignon da pasticceria! Hehehehe

    RispondiElimina

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...