Dopo la recente esperienza Sweety of Milan, finalmente ho trovato il tempo di provare i nuovi cerchi della Pavoni presi al loro stand...

E come testare i materiali se non con la meravigliosa frolla Milano del maestro Iginio Massari! Ecco il risultato di una pasticcera pasticciona che si cimenta con una ricetta semplice ma d'effetto. La crostata di fichi cubica.

Gli ingredienti sono davvero pochi e la realizzazione è semplice, io ho usato la mia planetaria domestica ma volendo usate le mani, l'importante in entrambi i metodi è lavorare pochissimo la massa e lasciarla riposare i giusti tempi.

Vi metto qui il video del maestro, non fate di testa vostra pensando di cambiare questo o quello, la pasticceria è precisione quindi seguite le sue dritte e sicuramente otterrete una frolla fenomenale!


Seguendo le sue indicazioni io ho preparato la mia frolla, l'ho lasciata riposare in frigo tutta la notte e oggi aiutandomi con due stecche della tenda (non avevo i righelli) ho steso l'impasto a circa 4mm.


Una volta stesa, riposta in frigo 10 minuti, ho proceduto a rifinirla e posizionarla sul mio cerchio. Fate aderire bene i bordi e sistemate anche gli angoli, l'aria non cuoce e se lasciate spazi rischiate di avere la frolla cruda. 


Tagliate l'eccesso di pasta e mettete in forno, (che avrete già preriscaldato) io faccio preriscaldare a 200° ventilato e una volta infornata abbasso a 180°, ho lasciato cuocere per 15 min e poi ho tirato fuori la mia base nuda per farcirla.


La mia crostata ha una farcia di confettura di fichi e mandorle e visto la stagionalità ho utilizzato anche dei fichi freschi per guarnirla, una volta posizionati ho spolverato il tutto con zucchero di canna ed ho re infornato per altri 10 minuti.


Ed eccola qua, semplice ma d'effetto! 
Friabile ma compatta, non propriamente biscottosa ma a me va benissimo così!


Mio marito mi ha dato un 9 ed io son felice così....buona crostata a tutti!!

Tagged: , , ,

0 Briciole:

Posta un commento

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...